Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaPPRT, VENTOLA E PERRINI: “L’EMILIANO L’ARROGANTE CONTINUA A ESSERE IL SINDACO DI PUGLIA, NON IL PRESIDENTE DELLA REGIONE”

PPRT, VENTOLA E PERRINI: “L’EMILIANO L’ARROGANTE CONTINUA A ESSERE IL SINDACO DI PUGLIA, NON IL PRESIDENTE DELLA REGIONE”

PPRT, VENTOLA E PERRINI: “L’EMILIANO L’ARROGANTE CONTINUA A ESSERE IL SINDACO DI PUGLIA, NON IL PRESIDENTE DELLA REGIONE”

FRANCESCO VENTOLA

Oggi il premier Renzi ha dichiarato: “è vero sono arrogante”. Il presidente Emiliano non ha bisogno di affermarlo. Lo è nei fatti!

Ieri abbiamo, finalmente, capito una volta per tutte che non ha nessuna intenzione di riaprire i termini, scaduti il 23 marzo scorso, per dare la possibilità ai Comuni di adeguare gli strumenti urbanistici  al Piano Paesaggistico Territoriale Regionale. Contravvenendo così: ad un indirizzo politico dato a stragrande maggioranza dal Consiglio regionale, all’indirizzo del suo assessore all’Urbanistica che una simile proroga l’aveva prevista in un provvedimento di giunta mai pubblicato, a un Disegno di Legge presentato dai Conservatori e Riformisti in materia che giace in Commissione da circa due mesi senza che sia calendarizzato.

 

RENATO PERRINI

Insomma, altro che partecipazione. Anche lì dove vi è un’espressa volontà della maggioranza, compresi i consiglieri del suo partito, Emiliano da arrogante qual è decide quello che gli passa per la testa, rincorrendo una visibilità mediatica e qualche avversario interno nel centrosinistra, mentre gli Uffici Urbanistici dei Comuni sono andati completamente in tilt e i privati stanno ricorrendo alla Giustizia per cui fra un po’ saremo anche sommersi di ricorsi. Il tutto mentre il

comparto è completamente bloccato

Ora finalmente si comprende lo slogan di Emiliano sindaco di Puglia: decidere le sorti delle città in barba alle amministrazioni locali. Sembra un Emiliano nostalgico della poltrona di sindaco! Continuando così avremo solo un governatore autoritario!

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment