Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaSALVATORE PICONESE HA AVVIATO I LAVORI DELLA DIREZIONE SVOLTA OGGI POMERIGGIO

SALVATORE PICONESE HA AVVIATO I LAVORI DELLA DIREZIONE SVOLTA OGGI POMERIGGIO

SALVATORE PICONESE HA AVVIATO I LAVORI DELLA DIREZIONE SVOLTA OGGI POMERIGGIO

Piconese copia

L’analisi introduttiva del Segretario Provinciale del Partito Democratico di Lecce Salvatore Piconese, davanti alla direzione provinciale di oggi.

ANALISI DEL VOTO – A Lecce il PD continua a vincere, così come è successo negli ultimi due anni (2014 – 2015), conquistando oltre la metà dei comuni chiamati al voto alle ultime amministrative tra cui Alessano, Cutrofiano, Melissano, Sanarica, Sogliano Cavour, Patù, Taviano e Trepuzzi.

Rimane il rammarico per la sconfitta di misura nel ballottaggio a Nardò.

È necessario sottolineare che le amministrative 2016 hanno consacrato una nuova generazione di dirigenti di partito, (come Gabriele Abaterusso, Stefano Minerva, Paolo Solito e Francesca Torsello) alla guida delle rispettive città. Ciò rappresenta per il nostro partito e per il nostro gruppo dirigente una sfida importante, poiché questa nuova generazione è chiamata a innovare l’esercizio democratico della funzione pubblica nel governo delle città.

Inoltre è utile ribadire che il PD salentino dimostra di essere capace di costruire sul territorio una nuova classe dirigente in grado di cogliere le istanze di cambiamento provenienti dalle comunità locali,

Pertanto, il risultato delle Amministrative 2016 è positivo ed è un risultato che si attesta come il migliore in Puglia e tra i migliori in Italia.

È tutto ciò in uno scenario provinciale che vede da un lato la vittoria del PD e del centrosinistra e dall’altra la sconfitta e l’inconsistenza politica del M5S.

Perciò che riguarda il centrodestra, vi è una crisi politica e strutturale di quel blocco politico e sociale che abbiamo conosciuto negli ultimi vent’anni, ossia una destrutturazione politica che coincide con la decadenza della leadership di Fitto. Mentre per quel che riguarda il M5S si registra una difficoltà di radicamento e un’inconsistenza politica su tutto il territorio provinciale. Difatti, rispetto a ciò che è successo in Italia e in Puglia, a Lecce sono sconfitti.

IL PARTITO – È senza dubbio importante ribadire, che in questa campagna elettorale il PD salentino, nonostante le tante difficoltà con alcune divisioni interne, ha tenuto bene, ha vinto nella maggior parte dei comuni chiamati al voto e soprattutto ha arginato il “vento populista” (tranne che a Nardò, dove però la lista del partito raccoglie un ottimo risultato al primo turno) essenzialmente per due ragioni: la prima riconducibile all’opera di radicamento e di costruzione del partito sul territorio negli ultimi due anni, la seconda è legata alla capacità di selezionare la classe dirigente nelle città mediante una continua interlocuzione tra la segreteria provinciale e i circoli locali.

Ma oggi, all’indomani delle Amministrative, la priorità del nostro impegno è continuare l’opera di ricostruzione del partito sul territorio. In tal senso bisogna dire che tanto è stato fatto, ma ancora tanto ci sarà da fare. In particolare, bisognerà intervenire nelle città nelle quali il PD continua, a perdere e da tempo dimostra difficoltà di radicamento.

REFERENDUM – In conclusione, una breve riflessione sui lavori della direzione nazionale del partito tenutasi ieri a Roma. Come sempre, anche ieri ho condiviso “parti importanti” della relazione del Segretario Nazionale Renzi, delle riforme del governo alla politica internazionale, passando all’iniziativa del partito in campo europeo, ma con altrettanta sincerità mi sarei aspettato però una maggiore apertura verso le componenti del partito, ossia un maggiore sforzo e una maggiore ricerca per un’unità interna del Partito Democratico. Ciò mi rammarica e mi preoccupa, sia per il futuro del partito che per l’esito del referendum costituzionale del prossimo autunno. Voglio ribadire però, che a Lecce vi sarà un atteggiamento completamente differente rispetto all’orientamento espresso durante i lavori della direzione nazionale. Il PD salentino è il partito di tutte e tutti e le diverse posizioni rispetto al referendum (quelle dei SI e quelle dei NO) avranno in questo partito uguale spazio di agibilità democratica. Per noi il pluralismo è una ricchezza, è un patrimonio politico e culturale da valorizzare e preservare. Il PD salentino sarà sempre la casa di tutti.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment