Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàANCORA UNA BALENA AVVISTATA AL LARGO DI GALLIPOLI

ANCORA UNA BALENA AVVISTATA AL LARGO DI GALLIPOLI

ANCORA UNA BALENA AVVISTATA AL LARGO DI GALLIPOLI

Gli esperti: “fenomeno dovuto alla tropicalizzazione del Mediterraneo”

È accaduto di nuovo che ci si sia imbattuti in un gruppo di balenottere che nuotavano in mare aperto. A scoprilo alcuni pescatori professionisti, a bordo di un peschereccio al largo delle coste di Gallipoli, che hanno avvistato e filmato i cetacei incrociati sulla loro rotta.

Incrociare nelle nostre acque animali da rispettare e preservare non è usuale ma certo si sta ripetendo più soventemente e lo confermano i vari avvistamenti di grampi, da Porto Cesareo a Gallipoli, nel canale d’Otranto.

“Da Gallipoli, a Porto Cesareo, come anche a Taranto, Policoro e Sibari: questi i Comuni della baia dello Jonio, classificati tra i più importanti in Italia per l’avvistamento dei Delfini, Grampi e qualche Balenottera” dice Carmelo Fanizza in un articolo su Famiglia Cristiana nel corso di un’escursione in mare a bordo del Catamarano della Jonian Dolphin Conservation.

Nei giorni scorsi un altro avvistamento singolare è stato quello di un gruppo di Grampi (Grampus griseus), un esemplare di cetaceo della famiglia dei Delphinidae, che può raggiunge i 4 metri di grandezza e pesare tra i 500 e i 600 kg, scoperti nelle acque del Canale d’Otranto.

«Eravamo di rientro dalle isole greche più prossime alle coste italiane” il racconto di un osservatore, “quando al largo di Otranto si è spalancato uno spettacolo naturale incredibile. Decine di Grampi hanno circondato completamente la nostra imbarcazione come per scortarci, giocando con le loro piroette e sfiorando più volte il natante».

Il Golfo di Taranto e le acque del mediterraneo si stanno trasformando in un autentico paradiso dei Delfini, tra i pochi e unici posti di feeding ground del mondo, ovvero zone in cui tali specie di cetacei, trovandovi le condizioni ambientali e alimentari ottimali, riesce contemporaneamente a riprodursi e a vivere.

Il fenomeno è da attribuire, secondo gli esperti, alla tropicalizzazione del Mediterraneo come sostiene il nuovo rapporto del Wwf diffuso in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani:

“Il Mediterraneo si sta tropicalizzando, diventando il mare con il riscaldamento più rapido e il più salato del nostro pianeta.

Le temperature inoltre sono in aumento, con un ritmo del 20% in più della velocità rispetto alla media globale, e l’innalzamento del livello del mare, che si preannuncia superare il metro entro il 2100.

Il Golfo di Taranto e le acque del mediterraneo si stanno trasformando in un autentico paradiso dei Delfini, tra i pochi e unici posti di feeding ground del mondo, ovvero zone in cui tali specie di cetacei, trovandovi le condizioni ambientali e alimentari ottimali, riesce contemporaneamente a riprodursi e a vivere.

Le temperature più calde e le tempeste stanno trasformando anche i fondali delle acque profonde, con la perdita di specie locali che avrebbe un impatto drammatico sull’intero ecosistema marino e del suo habitat naturale.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment