Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePolitica“INTOLLERABILI LE INTIMIDAZIONI DI MIGNONE AL DIRIGENTE ZACHEO”

“INTOLLERABILI LE INTIMIDAZIONI DI MIGNONE AL DIRIGENTE ZACHEO”

“INTOLLERABILI LE INTIMIDAZIONI DI MIGNONE AL DIRIGENTE ZACHEO”

paolo-perrone

Polemiche sulla rotazione dei dirigenti, Paolo Perrone contro l’ex assessore Mignone

“Non entro nel merito degli aspetti tecnici e giuridici della questione, ma non posso fare a meno di contestare a Carlo Mignone un atteggiamento aggressivo e arrogante che non ha alcuna giustificazione”. Così l’ex sindaco Paolo Perrone interviene sulla vicenda della rotazione dei dirigenti del Comune di Lecce e della discussa posizione di Donato Zacheo, a capo della Polizia Locale.

“Ho letto sul profilo facebook dell’ex assessore – continua – parole di fuoco, promesse di “battaglie” nei confronti di Zacheo e minacce verso presunti “intoccabili”. Non può passare inosservato il fatto che Mignone, sino a poche settimane fa amministratore di questa città, si lasci andare senza giri di parole a un attacco di questo tipo nei riguardi di un dirigente comunale. Il quale, per quanto mi consta, ha sempre avuto un rapporto di leale e proficua collaborazione con l’ente. Una presa di posizione che suona come una vera e propria intimidazione, ancora più grave se espressa in piena campagna elettorale. Credo che spetti al prossimo sindaco di Lecce affrontare la questione e compiere le scelte organizzative migliori nell’interesse dell’ente e dei cittadini. Ripeto, al di là della sostanza giuridica, è intollerabile e non ha precedenti l’aggressione personale a un dirigente del Comune da parte di un ex assessore.

Peraltro – chiude Perrone – questa scomposta “dichiarazione di guerra” presuppone qualche passaggio che Mignone sembra considerare formalità, come il fatto che la sua parte politica vinca le elezioni e che lui magari ritorni in giunta per poter dar corso alla promessa battaglia. Passaggi che, per fortuna, sono tutt’altro che scontati”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment