Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaANCHE NEL SALENTO SI PERFEZIONA L’ORGANIZZAZIONE DI SINISTRA ITALIANA

ANCHE NEL SALENTO SI PERFEZIONA L’ORGANIZZAZIONE DI SINISTRA ITALIANA

ANCHE NEL SALENTO SI PERFEZIONA L’ORGANIZZAZIONE DI SINISTRA ITALIANA

danilo-scorrano

Oltre che in Puglia, come vedremo, anche nel territorio slentino Sinistra Italiana sta completando i quadri della proprio organizzazione. Così, la segreteria regionale, guidata da Nico Bavaro, include i salentini Sonia Pellizzari e Mario Tagliaferro, mentre la segreteria provinciale è guidata da Danilo Scorrano e risulta così composta: Gilberto Indirli, Pupa De Maggio (organizzazione); Carlo Monticelli (tesseramento); Marianna Lentini, Silvia Carrozzo, Sonia Pellizzari (comunicazione); Marco Mastroleo, Antonio Caputo (lavoro e legalità); Antonio Bonatesta e Silvia Carrozzo (formazione scuola e università);  Massimo Esposito, Massimiliano Gira (politiche sociali); Anna Baglivo, Matteo Calcagnile (ambiente);  Silvia Carrozzo (migranti);  Sergio Fracasso, Giuseppe Antonazzo (enti locali).

La direzione nazionale, riunitasi il 6 e 7 maggio, ha approvato un documento in cui si evidenzia, tra l’altro: “E’ necessario che la sinistra si riorganizzi in termini di alternativa netta a Renzi e al suo partito, cui non vanno offerte alleanze prima e dopo il voto, cercando invece di costruire un polo attrattivo per tutte le culture critiche e innovative che con coraggio ancora abitano il nostro paese e lottano per cambiarlo”.

Lo spazio, secondo i dirigenti di Sinistra Italiana, c’è “se sapremo avanzare – puntualizzano – una proposta alternativa a PD, destre e M5S tanto nella capacità di praticare il conflitto e forme di democrazia radicale, quanto nel linguaggio e nell’apertura al protagonismo di chi viene da esperienze sociali e civiche”.

Si precisa, poi: “Non può interessare a nessuno una sinistra che impegni il suo tempo a consumarsi in scissioni e discussioni su quanto Renzi e il PD siano cattivi, ma anche su quanto siano potenziali alleati. Il PD non è un potenziale alleato per le scelte che ha fatto, per quelle che continua a fare, per il riferimento sociale che ha scelto di avere”.

Quindi, in un ulteriore passaggio, Sinistra Italiana, partito guidato a livello nazionale da Nicola Fratoianni, chiarisce la propria posizione: “Noi siamo vicini all’esperienza di France Insoumise, così come a quella di Podemos, di Syriza, della Linke e delle altre sinistre che nei rispettivi paesi provano a cancellare l’agenda dell’austerità, per costruire nuovi percorsi che parlino di uguaglianza e di conflitto, così come consideriamo imprescindibile la relazione con le forze verdi ed ecologiste, a partire da quelle catalane e nord europee”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment