Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeLe donne nella storia

Le donne nella storia

Di origini ebraico/russe è stata una poetessa e scrittrice per bambini. Nata a Mosca il 17 febbraio 1906 è morta a Mosca ad 85 anni il Primo aprile 1981 da una famiglia ebrea/russa, il padre

Seconda ed ultima parte – prima parte pubblicata giovedì 12 marzo 2020 È spesso ricordata come la prima programmatrice al mondo. Ada Lovelace incontrò e corrispose in molte occasioni con Charles Babbage. Rimase affascinata dall'universalità delle

È spesso ricordata come la prima programmatrice al mondo. Augusta Ada Byron, meglio nota come Ada Lovelace (Londra 10 dicembre 1815-Londra 27 novembre 1852), è stata una matematica inglese, nota soprattutto per il suo lavoro alla

Una Donna che ha dato la vita per la salvare “Porto Selvaggio” dallo scempio edilizio che la mafia voleva Il prossimo marzo cade il trentesimo anno dal tragico attentato, ci auguriamo che non solo Nardò ma

FRANCESCA SCANAGATTA  - La prima donna italiana  in divisa Spesso le donne, pur di combattere, non hanno esitato a cambiare identità e lo hanno fatto in quasi tutte le epoche ed in tutti i continenti. Approfittando

SILVIA GODELLI Nata a Bari nel 1947 Docente universitaria-assessore al Mediterraneo della Regione Puglia In Italia, una legge approvata dal Parlamento il 20 Luglio 2000, istituisce il 27 gennaio come la “Giornata della Memoria”: una commemorazione pubblica non solo della

ROSA PARKS, UNA DONNA SIMBOLO DEL MOVIMENTO DIRITTI CIVILI Rosa Louise Parks (nata Rosa Louise McCauley) a Tuskegee 4 febbraio 1913 (+ Detroit 24 ottobre 2005) è stata un'attivista statunitense. È stata un personaggio simbolo del movimento per i diritti civili. È

LUCRINA (IN ORIGINE GIUSTINA) FETTI (Roma 1600 – Mantova 1651) è stata una pittrice di età barocca. La Fetti nasce a Roma in una famiglia di artisti: il padre Pietro ha una rinomata bottega di produzione pittorica. Trascorre l’infanzia

CECIL KASHETU KYENGE Esempio di volontà ferrea e di successo conquistato con il sacrificio Non molti conoscevano sino a quando il suo nome non è stato fatto dal presidente del consiglio Enrico Letta come Ministro della Repubblica Italiana, stiamo

Seconda parte – segue da prima parte di sabato 26 ottobre 2019 Intanto Cristina cominciò a dedicarsi più da vicino alla causa italiana, specie nella spedizione in Savoia del febbraio 1831, come emerge da una lettera a Emilio Barbiano: