HomeECONOMIA & LAVORODISEGNO DI LEGGE SULL’ARTIGIANATO PUGLIESE

DISEGNO DI LEGGE SULL’ARTIGIANATO PUGLIESE

DISEGNO DI LEGGE SULL’ARTIGIANATO PUGLIESE

La positiva valutazione del Presidente della Camera di Commercio di Lecce, Mario Vadrucci

Per l’artigianato pugliese è arrivato il momento del rilancio. La Camera di Commercio di Lecce esprime tutto il suo appoggio ed il favorevole e positivo commento al nuovo Disegno di Legge che la Giunta regionale, sotto l’apprezzata iniziativa dell’Assessore regionale alle attività produttive, Alessandro Delli Noci, e l’impegno delle Associazioni di categoria di tutta la Puglia, ha adottato ieri per una nuova stagione dell’artigianato.

Si avvertiva la forte necessita di una spinta per un settore che da sempre è una componente molto rilevante della Puglia del fare e che si apre a processi di innovazione, sia nella produzione che nella promozione e commercializzazione, anche guardando ai mercati esteri.

“La mia provenienza dal settore dell’artigianato – ha sostenuto il Presidente della Camera di Commercio di Lecce, Mario Vadrucci – mi fa apprezzare ancora di più le opportunità che si aprono per il settore della cartapesta, delle luminarie e della ceramica, comparti che hanno portato in giro nel mondo il nome dell’artigianato pugliese che conta 80.000 aziende. La spinta che dalla nuova legge verrà con l’incentivo per il design e l’innovazione, ma anche per l’utilizzo di nuovi materiali, più in linea con la sostenibilità ambientale, proietterà sicuramente l’artigianato pugliese in una nuova dimensione, sostenendo lo sforzo che tante aziende stanno cercando di fare. Questa legge aiuterà la rinnovata attenzione di nuove generazioni e di nuovi ambiti scolastici verso un’attività che tante soddisfazioni ha dato in passato alla conoscenza della nostra regione, rafforzandone l’identità e rinnovando una tradizione che affonda le radici in tempi lontani e che rappresenta un patrimonio da difendere e da rinnovare”.

Particolarmente importante, poi, la Camera di Commercio di Lecce ritiene la possibilità che, attraverso i Comuni più direttamente interessati, si possano istituire Zone Franche per l’artigianato, tali da poter incentivare l’insediamento di vere e proprie filiere produttive, capaci di aggregare gli sforzi delle aziende con maggiori idee e migliori contatti, in Italia e all’estero.

“Puntare sulla qualità, sul design, sull’utilizzo delle nuove tecniche produttive – ha rilevato ancora il Presidente Vadrucci – può portare a risultati di grande rilievo e dare all’artigianato le possibilità di congiungere le proprie caratteristiche al turismo e agli altri settori produttivi per un concreto rilancio dell’ intero comparto, riversando i suoi benefici effetti su tutta l’economia pugliese. Mi auguro che le imprese artigianali salentine e dell’intera Puglia sapranno cogliere le opportunità contenute nella nuova Legge,  non appena saranno concretizzati i suoi effetti attraverso un rapido iter”.

 

 

Condividi con:

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment