Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Venerdì 12 Luglio 2019

Ventottesima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: 193 * Giorni rimanenti alla fine dell’anno 172

A Roma il sole sorge alle 04.47 e tramonta alle 19.45 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 04.42 e tramonta alle 19.18 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: San Fortunato  

ACCADDE OGGI: 1963 – Nasce il marchio DOC per i vini:

Con le finalità di valorizzare un prodotto di qualità, interamente italiano e rappresentativo di una specifica area territoriale, viene istituita, con il decreto del Presidente della Repubblica n.930 del 1963, la denominazione di origine controllata, identificata con l’acronimo DOC.

Nello stesso provvedimento si estende la speciale tutela ai vini Moscato Passito di Pantelleria e Marsala di Trapani. È quest’ultimo ad ottenere per primo il marchio DOC nel 1969, mentre l’altro lo riceve nel 1971.

La fortuna del Marsala come vino liquoroso risale al XVIII secolo, quando un commerciante inglese, tale John Woodhouse, rimane estasiato dal suo sapore e lo porta in patria per vedere cosa ne pensano i suoi connazionali. L’ampio gradimento di questi ultimi lo convince a iniziare la commercializzazione del Marsala, dando vita a un giro d’affari miliardario.

Dal 2009, nella nuova denominazione DOP (Denominazione di origine protetta) confluiscono sia quella DOC che la DOCG (Denominazione di origine controllata e garantita).

EVENTO SPORTIVO: 1998 – La Francia vince i Mondiali 1998:

Con una netta vittoria (3 a 0, doppietta di Zidane e gol di Petit nel recupero) sul Brasile di Taffarel, Ronaldo e Dunga, la Francia conquista il suo primo titolo mondiale di calcio, nell’edizione casalinga del 1998.

Il cammino dell’Italia, vincitrice del proprio girone e dell’incontro negli ottavi con la Norvegia, s’interrompe nei quarti con una sconfitta proprio contro i transalpini. Dopo 120 minuti a reti inviolate, sono fatali gli errori dal dischetto di Albertini e Di Biagio e la Francia vince 4 a 3.

NACQUERO OGGI:

1884 – Amedeo Modigliani – pittore

1904 – Pablo Neruda – cantore letterario delle donne

1973 – Christian Vieri – ex calciatore       

LA FRASE CELEBRE:

Gli uomini condannano le ingiustizie non perchè ritengono criminale commetterle, ma perchè temono di poterne essere vittime. (Platone)

IL PROVERBIO:

Semina di Luglio se vuoi un buon rapuglio.

IL SEGNO ZODIACALE: CANCRO – Dal 22/06 al 22/07

Personalità:

Enigmatico ed affascinante, ipersensibile ed intuitivo tende a vivere nel sogno più che nella realtà. Per mostrare il suo vero volto ha bisogno di sentirsi apprezzato, amato, accettato, altrimenti si protegge rinchiudendosi nel suo guscio e diventando impenetrabile e indifferente ai clamori del mondo

Amore:

La natura sentimentale del Cancro è molto sensibile ma riservata, difficilmente rivela le sue emozioni, per una sorta di timidezza innata che spesso è causa di malintesi. L’amore è per lui una cosa seria, da non prendere alla leggera, e quando ama lo fa in modo tenero, affettuoso; è devoto al partner, pieno di premure, ed incline alla gelosia.

Lavoro:

Qualunque sia la sua professione, deve essere svolta in un ambiente consono alle sue esigenze interiori, solo così può dare il meglio di sé e promuovere buone relazioni con gli altri. In caso contrario si rinchiude nel suo guscio e non trova soddisfazione in ciò che fa.

Salute:

Emotivo com’è, la sua salute s’indebolisce facilmente se si allontana dalle sue abitudini, inoltre tende a somatizzare a livello gastrico ogni sua tensione. Il segno governa infatti lo stomaco, il duodeno, il seno, la muscolatura addominale e le mucose interne.

I DOODLE DI GOOGLE: Cattedrale di San Basilio:

Massima espressione dell’architettura religiosa russa e monumento simbolo, insieme al Cremlino, della celebre piazza Rossa di Mosca, la cattedrale vanta una storia di oltre quattro secoli, infarcita di diverse leggende. Detta anche dell’Intercessione della Vergine, venne costruita nel XVI secolo per volere dello zar Ivan IV (passato alla storia come Ivan il terribile) a celebrazione della presa di Kazan ed Astrachan.

Poco si sa della reale identità dell’architetto che la disegnò nella sua inedita forma, mentre è appurato che l’edificio originale era composto da otto chiese laterali e una centrale, cui si aggiunse la decima eretta sulla tomba del venerato “Basilio” (da cui il nome attuale). Nel 2011 è ricorso il 450° anniversario della consacrazione, che Google ha segnalato sulla sua home page, con un doodle globale.

Condividi con:
Valuta articolo

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment