Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Lunedì 07 Ottobre 2019

Quarantunesima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: 280 * Giorni alla fine dell’anno 85

Il sole sorge a Roma 6.14 e tramonta alle 17.42 (ora solare)

Il sole sorge a Lecce 5.59 e tramonta alle 17.32 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Beata Vergine Maria del Rosario    

ACCADDE OGGI: 1952 – Brevetto del codice a barre:

Furono due ingegneri e inventori statunitensi, al secolo Norman Joseph Woodland e Bernard Silver, a brevettare il codice a barre, l’insieme di simboli grafici che codifica una serie di informazioni leggibili solo da specifici lettori laser.

L’idea maturò quando i due erano ancora studenti all’Università di Drexel, dopo aver raccolto la segnalazione del titolare di un’impresa alimentare sulla necessità di automatizzare e quindi velocizzare le operazioni di cassa. I primi esperimenti presero come riferimento il Codice Morse, declinato in senso verticale delineando barre strette e barre larghe. Successivamente, passarono a un sistema a barre ovali e presentarono il brevetto della loro scoperta.

Per quanto concerne i dispositivi di lettura del codice, si utilizzarono inizialmente i “fotomoltiplicatori”, già destinati alla lettura delle bande audio dei film. La scarsa praticità di questi ultimi rese necessario individuare un’alternativa più efficace, riscontrata più tardi nella tecnologia laser, più economica e facile da utilizzare. Morto Silver nel 1963, Woodland arrivò da solo a perfezionare l’invenzione sviluppando per IBM i codici a barre lineari.

Fu un pacchetto di gomme da masticare il primo prodotto venduto con l’utilizzo di un lettore di codici a barre. Quel prodotto è oggi conservato al Museo Nazionale di Storia Americana di Washington.

NACQUERO OGGI:

1952 – Vladimir Putin – politico   

1972 – Giorgio Di Centa – ex fondista

LA FRASE CELEBRE:

L’utilità dà la misura del necessario: ma il superfluo in che modo si può misurarlo? (Seneca)

IL PROVERBIO:

Chi dell’altrui prende, la sua libertà vende

I DOODLE DI GOOGLE: Gli atomi di Bohr:

Dai campi di calcio alle orbite dell’atomo. Si è delineata così l’esistenza del fisico danese Niels Bohr, che da portiere mancato della Nazionale scandinava si è trovato a gettare le fondamenta della meccanica quantistica. Le sue ricerche, fondate sulle conclusioni del chimico neozelandese Ernest Rutherford (noto come il padre della fisica nucleare), lo portarono a definire la struttura degli atomi, così come oggi la conosciamo.
Il modello di Bohr, che valse allo stesso il Nobel per la Fisica nel 1922, ha ispirato a Google il doodle globale pubblicato nel 2012, in occasione del 127° anniversario della nascita dello scienziato.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment